La dieta “migliore” ai tempi del coronavirus…ma esiste davvero?